closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In due settimane riportati in Libia 953 migranti in fuga

Mediterraneo. Dall'inizio dell'anno quasi mille richiedenti asilo sono stati intercettati dalla guardia costiera libica e riportati nei centri di detenzione, spiega l'Organizzazione mondiale per le migrazioni

Migranti al porto di Tripoli

Migranti al porto di Tripoli

Mentre le potenze regionali e globali si aggirano intorno alla crisi libica con il rispettivo bagaglio di interessi particolari, il dramma di centinaia di migliaia di migranti non scema. Intrappolati a Tripoli, in centri di detenzione pericolosamente vicini agli scontri (spesso colpiti, come accaduto a Tajoura la scorsa estate, 53 morti), c’è chi prova a fuggire. E viene riportato indietro: secondo l’Organizzazione mondiale per le migrazioni (Oim), agenzia Onu, dal primo gennaio di quest’anno la guardia costiera libica ha intercettato e ricondotto nei campi libici «almeno 953 migranti, di cui 136 donne e 85 bambini». Una media di 68 al...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.