closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

In cerca di libertà a Parigi

Intervista. Parla il vignettista iraniano Kianoush Ramezani, amico dei disegnatori della redazione di «Charlie Hebdo», uccisi il 7 gennaio di un anno fa da un atto terroristico. «Quel giorno si è rotto qualcosa dentro di me – spiega Ramezani . È stato uno choc tremendo. Ero fuggito dall’Iran sognando di essere finalmente al sicuro. Prima dell’attacco a 'Charlie Hebdo' mi sentivo protetto: m’illudevo. Ho capito improvvisamente che non c’era sicurezza possibile. Ero un obiettivo anch’io»

Charlie Hebdo

Charlie Hebdo

[caption id="attachment_177543" align="alignright" width="1024"] Kianoush Ramezani[/caption]   Kianoush Ramezani, classe 1973, è un disegnatore e vignettista iraniano. Nel 2009 ha lasciato il suo paese, dove era finito nella «lista nera» delle autorità, e ha trovato asilo politico in Francia. Nel 2012 i suoi disegni satirici pubblicati su diverse testate internazionali gli sono valsi il premio Kofi Annan. Oggi vive a Parigi ed è il presidente di United Sketches, un’organizzazione che lotta per difendere la libertà d’espressione di illustratori e vignettisti di tutto il mondo. Lo incontriamo nel suo «quartier generale», un caffé lungo la Senna crocevia di artisti a pochi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.