closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

In Belgio dopo le dichiarazioni dell’«innocente» Erdogan è terremoto: dimissioni (respinte) nel governo

Belgio. Il premier Michel: le dimissioni di Jan Jambon (Interni) e Koen Geens (Giustizia), respinte

È un vero e proprio terremoto politico quello che ha investito il governo federale del Belgio, in seguito alle dimissioni del ministro dell’interno Jan Jambon, in quota NVA (partito separatista fiammingo di estrema destra), ed il ministro della giustizia Koen Geens in quota CD&V (partito liberale di lingua fiamminga), prontamente respinte dal primo ministro Charles Michel, in quota MR (partito di centro-destra di lingua francofona). Le dimissioni congiunte sono arrivate in seguito alla notizia, apparsa sui media locali, dell’estradizione di uno dei kamikaze entrato in azione all’aeroporto di Bruxelles, Ibrahim El Bakraoui, fermato in Turchia nel 2015 al confine con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.