closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Impronte dentali ai minori di Calais. Ma l’idea non passa

Migranti in arrivo da Calais nel Regno unito

Migranti in arrivo da Calais nel Regno unito

Controlli dentali. Ma non per verificare la salute dei denti, quanto per accertare l’età, proprio come fanno i paleontologi o la polizia scientifica. Solo che qui non si tratta di resti di ominidi, ma dei bambini/minorenni della «giungla» di Calais diretti in Uk, alcuni dei quali hanno già cominciato ad arrivare via pullman. Accompagnati non certo dai genitori, ma da un nugolo d’incresciose polemiche. A lanciare la totalitaria idea è stato un backbencher conservatore, David Davies. Che ha giustificato ai microfoni della Bbc il ricorso a simile tecnica con la necessità di vagliare la minorità dei giovani profughi in mancanza...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi