closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Imprevedibile Scelsi, melodia e abbandono

Musica. In due giornate eseguite dal geniale pianista Fabrizio Ottaviucci tutte le suites del maestro scritte dal 1952 al 1956

Fabrizio Ottaviucci

Fabrizio Ottaviucci

Se succede qualcosa di memorabile a Roma in campo musicale potete scommettere che succede all’Istituto Svizzero. Il perché non si sa. Ma è così. Luogo fiabesco, giardini incantati, sale e salette con libri rari e opere d’arte contemporanee inserite qua e là, una scultura di John Chamberlain ad accogliervi in cima alla scalone. In programma tutte le Suites per pianoforte di Giacinto Scelsi del periodo 1952-1956. In due giornate. Per il festival Romaeuropa. Lo Steinway è affidato a Fabrizio Ottaviucci. Bello come un dio, come un appartato figlio dei fiori (non idoelogico, oh no!), la leggiadrissima coda di cavallo sulle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.