closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Impressionisti a Londra, via dalla Comune

A Parigi, Petit Palais, "Les Impressionistes à Londres - Artistes français en exil, 1870-1904". li artisti francesi in esilio 1870-1904: una storia a sé raccontata da Tissot, Daubigny, Pissarro, Sisley, Monet... È in James Tissot che si realizza al massimo grado la compenetrazione tra le due culture

James Tissot,

James Tissot, "The Gallery of HMS Calcutta (Portsmouth)", ca. 1897, Londra, Tate Gallery

Nel 1870 a Parigi si era appena completata una vasta opera di ristrutturazione e modernizzazione urbanistica iniziata nel 1852 dal prefetto Georges Eugène Haussmann e la capitale francese, con una popolazione di due milioni di abitanti, rivaleggiava con Londra in termini di grandezza e influenza. Ma se la corte della regina Vittoria aveva inizialmente perso fascino rispetto a quella francese, dove l’imperatrice Eugenia sfoggiava le più belle creazioni di Charles Frederick Worth insieme alla principessa Metternich, e Napoleone III si contornava di un entourage di imprenditori di successo e di giovani ereditiere americane, lo scoppio della guerra franco-prussiana nel luglio di quell’anno,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi