closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Importanti i riflessi politici dell’attacco americano»

Usa/Siria. Intervista all'analista Ali Hashem, del portale al Monitor: sul piano militare i missili lanciati dagli Usa non cambiano nulla. In Iran invece rafforzano conservatori e radicali a danno del presidente Rohani a poche settimane dal voto

In Medio oriente si valutano i riflessi dell'attacco americano alla Siria. Da un lato si tende a considerare "simbolico" il passo militare fatto da Trump, un avvertimento e nulla di più a Bashar Assad. Dall'altro l'attacco Usa rafforza il fronte "ribelle" e jihadista in Siria e riaccende le speranze di vittoria delle monarchie del Golfo e della Turchia, a svantaggio del presidente siriano e dei suoi alleato: Russia, Iran e il movimento sciita libanese Hezbollah. Su questi temi abbiamo intervistato Ali Hashem, analista del noto portale mediorientale al Monitor ed esperto di Iran, Libano e Siria. Quali saranno le conseguenze...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi