closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Impiccato in Iran il giornalista Ruhollah Zam: «Spia americana»

Iran. Condannato a morte dopo l'ultima sentenza della Corte suprema, il fondatore del sito di informazione Amad News era stato catturato un anno fa in Iraq dai pasdaran. Già arrestato durante il movimento verde contro Ahmadinejad, pubblicava notizie sulle proteste nel paese e sulla sua dirigenza

Il giornalista iraniano Ruhollah Zam durante un'udienza

Il giornalista iraniano Ruhollah Zam durante un'udienza

Di questi tempi, i pasdaran si muovono utilizzando le tecniche del Mossad: attirano la preda in un luogo, tendono la trappola e la catturano. Nel caso degli iraniani, decisiva è la complicità di altri paesi. A fine gennaio a mettersi nei guai era stato il rapper underground iraniano Amir Tataloo. Particolarmente critico e offensivo nei confronti della dirigenza di Teheran, il trentunenne era finito in manette mentre si trovava in Turchia. Se non era stato deportato nella Repubblica islamica, è stato grazie all’intervento della comunità internazionale che ha fin da subito acceso i riflettori sul suo caso. In ogni caso,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi