closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Immagini del presente al Fid Marseille

Festival. Al via la kermesse francese, De Oliveira, concorso, sezioni speciali. Diretto dal critico Jean-Pierre Rehm, lavora sulla ricerca di relazioni e tendenze nel cinema

una scena dal film Il tesoro di Corneliu Porumboiu, sotto una scena da Velho do restelo di de Oliveira

una scena dal film Il tesoro di Corneliu Porumboiu, sotto una scena da Velho do restelo di de Oliveira

Festival speciale il Fid Marseille, sulla carta simile a altri festival - un concorso internazionale, uno francese, molti «Schermi paralleli» dove spesso capita quasi casualmente di vedere film strepitosi, una retrospettiva. Ma niente è casuale, e soprattutto rispetto a altri festival nel mondo il Fid, diretto con tenacia da Jean-Pierre Rehm, critico e studioso di cinema, si caratterizza per una scommessa: avere un progetto. Ovvero non limitarsi a infilare tipo collana di perle - o collanina vintage Seventy di perline colorate - un film insieme all’altro (per quello c’è ormai la magnifica invenzione di Festivalscope, 70 euro l’anno circa e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi