closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Immagini africane che abitano il mondo

Scaffale. «Camerun digitale» di Giovanna Santanera, per Meltemi. Un’indagine per le strade di Douala sui riflessi sociali della produzione e della cultura video

Una foto scattata da Giovanna Santanera sul set della serie «Balade dans la cité»

Una foto scattata da Giovanna Santanera sul set della serie «Balade dans la cité»

Il cantastorie urbano Makalapati si aggira in bicicletta per le strade di Douala, in Camerun, presentando al pubblico storie esemplari. I protagonisti dei suoi racconti sono disoccupati, domestici, studenti, prostitute, marabutti, bendskineurs (autisti di moto-taxi) alle prese con miseria, corruzione, conflitti famigliari e aspirazioni. Questa la cornice narrativa di «Balade dans la cité», nata nei primi anni 2000 come trasmissione radiofonica poi trasformatasi in telefilm a episodi per l’emittente camerunense Equinoxe Télévision. SI TRATTA di uno dei prodotti audiovisivi di cui si occupa l’antropologa Giovanna Santanera nel suo Camerun digitale. Produzione video e diseguaglianza sociale a Douala (Meltemi, pp. 200,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi