closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Ilva, la corte svizzera non sblocca 1,2 miliardi dei Riva

Il siderurgico tarantino. Le risorse erano state sequestrate dalla giustizia italiana, che le aveva richieste a Zurigo. Secondo il Piano ambientale dovrebbero essere utilizzate per ammodernare gli impianti e bonificare i siti inquinati

I soldi dei Riva, sequestrati dalla magistratura italiana in una delle inchieste sulla gestione dell’Ilva, per il momento resteranno in Svizzera. Il tribunale federale di Bellinzona, accogliendo il ricorso delle figlie del patron Emilio ha detto no al rientro in Italia di 1,2 miliardi di euro. Quel denaro avrebbe potuto essere utilizzato per le bonifiche dei siti tarantini inquinati, per ammodernare gli impianti e renderli più sicuri per chi ci lavora (l’incidentalità nel sito siderurgico è alta, l’ultimo morto qualche giorno fa). Quel denaro, ancora oggi sarebbe molto utile per la popolazione tarantina. Lo scorso maggio, il gip di Milano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.