closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Ilva, Calenda osa l’azzardo ma perde

Trattativa Sospesa. Il ministro uscente propone 1.500 assunzioni pubbliche per chiudere la vertenza. No dei sindacati: troppi esuberi. Re David (Fiom): abbiamo sempre guardato al merito, Mittal non ha fatto alcun passo avanti

Il ministro Carlo Calenda al ministero dello Sviluppo

Il ministro Carlo Calenda al ministero dello Sviluppo

Tanta era la voglia di chiudere la sua esperienza ministeriale con un successo che Carlo Calenda ieri mattina ha tentato un vero azzardo. A pochi giorni dalla formazione del nuovo governo M5s-Lega - che anche lui dà per scontato - ha convocato sindacati e Mittal per proporre un accordo che chiudesse la trattativa Ilva. PER AGGIRARE IL PROBLEMA dei 4 mila esuberi che gli indiani, forti di un contratto firmato con lo stesso governo, non vogliono assumere, Calenda ha giocato la carta Invitalia. Mettendo da parte il suo passato da manager privato e il suo pensiero liberista, ha proposto che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.