closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il Wto tra gli ospiti d’onore del vertice, ma si presenta diviso e impotente

Global Health Summit. La direttrice generale dell’Organizzazione Okonjo-Iweala invitata in video conferenza. Ma nel momento in cui potrebbe giocare un ruolo decisivo nella lotta alla pandemia, l’Organizzazione non trova una strategia

La direttrice generale del Wto Ngozi Okonjo-Iweala

La direttrice generale del Wto Ngozi Okonjo-Iweala

Il problema globale dei vaccini in fondo è semplice: il mondo può produrre al massimo cinque miliardi di dosi «ma ne servono il doppio o il triplo». Il calcolo lo ha fatto ieri la direttrice generale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (Wto) Ngozi Okonjo-Iweala, che ha sottolineato le disparità a livello internazionale: l’80% della produzione è concentrata in 10 paesi europei, nordamericani e del sudest asiatico. «Non è normale che l’Africa, con 1,3 miliardi di abitanti, disponga di appena lo 0,17% della capacità produttiva mondiale», ha detto l’economista nigeriana. Già ministra delle finanze e degli affari esteri del suo paese, Okonjo-Iweala...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi