closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Il virus rialza la testa. Variante inglese nel 18% dei casi

Covid-19. Preoccupa la mutazione del Kent, con grandi differenze tra regione e regione, ma con un’incidenza particolarmente alta sulla costa adriatica. In zona arancione anche Abruzzo, Liguria, Toscana e Trentino, che si aggiungono a Umbria e Alto Adige. In calo i decessi, 316, ma non i contagi, ieri quasi 14 mila con Rt vicinissimo a 1

Roma, un posto di controllo dei carabinieri al Circo Massimo

Roma, un posto di controllo dei carabinieri al Circo Massimo

Secondo un’indagine dell’Istituto Superiore di Sanità e del ministero della Salute, la cosiddetta “variante inglese” del coronavirus rappresenta circa il 18% dei ceppi virali in circolazione sul territorio italiano. Lo ha comunicato il direttore generale della prevenzione del ministero, l’infettivologo Gianni Rezza, nel corso dell’incontro settimanale con la stampa sulla situazione della pandemia. IL DATO DERIVA dall’analisi delle sequenze genetiche di tamponi raccolti tra il 4 e il 5 febbraio. Ma è un numero da prendere con qualche cautela. All’indagine non hanno partecipato tutte le regioni e le province autonome, ma solo 16 su 21. La percentuale media calcolata a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi