closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Il virus della solitudine

L'intervento. Il neoliberismo ha imposto su tutta la terra un livello di atomizzazione sociale, al punto da rigenerare qualcosa di paragonabile a uno stato di natura artificiale: l'emergenza sanitaria può suggerire tratti strutturali della trasformazione

Grégoire A. Meyer, «Diametrix»

Grégoire A. Meyer, «Diametrix»

Nelle polemiche che hanno accompagnato questi mesi di quarantena si è fatto strada un dubbio, una denuncia, un’ipotesi provocatoria e allarmante: possibile che le misure «emergenziali», che hanno drasticamente trasformato la vita collettiva, non siano che il preludio a un nuovo genere di totalitarismo, radicato nella dimensione «biopolitica»? Liquidare la domanda come una forma di ottuso complottismo (come in parte è stato fatto) non aiuta a chiarire le cose, visto che la denuncia poggia su due innegabili evidenze. È un fatto, in primo luogo, che in questi mesi la vita sociale sia stata integralmente regolamentata, in ogni suo dettaglio, da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi