closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

«Il vicepremier è sessista», bufera (finta) nel governo

Spadafora attacca il leader leghista. La replica: allora si dimetta. Per le opposizioni il sottosegretario non fa sul serio: allora rompa il matrimonio con la Lega. Intanto lui cancella la conferenza stampa sul piano antiviolenza. Perché non ancora non è pronto.

Vincenzo Spadafora

Vincenzo Spadafora

«Cosa sta a fare Spadafora al governo con un pericoloso maschilista? Se pensa che sono così brutto e cattivo, fossi in lui mi dimetterei e farei altro, ci sono delle Ong che lo aspettano». È da perfetto bullo la replica di Salvini alle accuse di Vincenzo Spadafora, sottogretario alla presidenza del consiglio con delega alle pari opportunità. Dalle colonne di Repubblica il grillino lo attacca alzo zero: «L’Italia vive una pericolosa deriva sessista. Come facciamo a contrastare la violenza sulle donne, se gli insulti arrivano proprio dalla politica, anzi dai suoi esponenti più importanti?». Ce l’ha proprio con il leghista:...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.