closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il Venezuela denuncia il «criminale uso geopolitico del vaccino»

Dopo il no di Europa e Usa allo sblocco dei fondi. Embargo aggirato con lo Sputnik V in arrivo da Mosca. E con Cuba nasce l’idea di una banca-fiale solidale

Cure anti Covid a Caracas

Cure anti Covid a Caracas

Nella guerra che Stati uniti ed Europa stanno combattendo contro il popolo venezuelano, si tratta forse del crimine più indecente: il rifiuto dei governi di Inghilterra, Portogallo, Spagna e Usa di sbloccare i fondi del Venezuela custoditi nelle loro banche per consentire al governo l'acquisto dei vaccini anti-Covid. A DENUNCIARLO è stato il presidente Maduro, sollecitando al riguardo un intervento del segretario generale dell'Onu António Guterres e dell'Organizzazione mondiale della sanità. «Abbiamo chiesto che ci restituiscano quel denaro per comprare i vaccini attraverso l'Oms, ma hanno detto di no», ha spiegato il presidente del Venezuela, dove la pandemia è stata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi