closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il vecchio leone ruggisce con archi e dj

Note sparse. Il britannico Floating Points aka Sam Shepherd, ha costruito un affascinante affresco insieme a Pharoah Sanders e la London Symphony Orchestra

Tra i tanti effetti della pandemia c’è anche il fatto che ognuno ha avuto più tempo a casa e ciò consente ascolti lunghi e concentrati. Questo spiega in parte il successo di un disco con un solo brano di quarantasei minuti. Ma Promises non ha solo meriti extramusicali perché si tratta di un gran bel lavoro. Il britannico Floating Points, aka Sam Shepherd, apprezzato dj e musicista elettronico ha costruito un affascinante affresco stratificando i suoi interventi alle tastiere e elettronica, il sax jazz di Pharoah Sanders e gli archi della London Symphony Orchestra. Una cellula di poche note che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.