closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Il valzer dei decimali su una manovra in bilico tra rigore e propaganda

Legge di bilancio. La linea decisa da governo e maggioranza nei vertici del 4 e 9 agosto, gli annunci di sforamento del 3% del Pil, lo scostamento è tra l'1,6 e l'1,8%. Mentre la campagna elettorale per le Europee del 2019 si avvicina

La strada è stata indicata dal ministro dell’Economia Giovanni Tria a cavallo dei due vertici di governo e maggioranza che si sono tenuti il 4 e 9 agosto scorsi. In vista della manovra si tratterà con la Commissione Ue, e nella maggioranza giallo-verde, per indicare il rapporto deficit-Pil tra l’1,6 e l’1,8% nel 2019, un punto in più rispetto a quanto indicato nel Def «tecnico» consegnato dall’esecutivo Gentiloni (0,8%). È una manciata di decimali in più, rispetto a quello che il ministero dell’economia ha preventivato (1,5%). Su questa differenza si gioca la manovra, non sullo sforamento del tetto del 3%...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.