closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il triste deserto della coscienza

Ayelet Gundar-Goshen. Intervista con l’autrice di «Svegliare i leoni», appena pubblicato per Giuntina. Quando Eitan investe e abbandona un uomo sulla strada, responsabilità e intenzioni si confondono. Domenica 23, la scrittrice sarà a Milano per «Tempo di Libri», in dialogo con Michela Murgia e Helena Janeczek

Un’opera di Jacob Lawrence

Un’opera di Jacob Lawrence

«Credo che l’essenza di questo romanzo sia universale, biblica: sono forse io il custode di mio fratello?» - spiega Ayelet Gundar Goshen se le si chiede quanto di specificatamente israeliano vi sia nel suo Svegliare i leoni edito in questi giorni da Giuntina (pp. 318 , euro 17, traduzione di Ofra Bannet e Raffaella Scardi). LA DOMANDA è quella che Caino fa al Padre Eterno dopo l’uccisione di Abele ma l’interrogativo è rigorosamente laico. «Il protagonista è un dottore israeliano che lascia un immigrato sul lato della strada dopo averlo investito - prosegue la scrittrice riferendosi alla trama del romanzo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi