closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il tour di Duterte cambierà gli assetti asiatici

Il presidente filippino Rodrigo Duterte è finito su tutti i media mondiali in seguito alle sue sconsiderate dichiarazioni (non è la prima volta, dato che aveva già pesantemente insultato Obama, salvo poi chiedere scusa) nelle quali si è paragonato ad Adolf Hitler esprimendo il desiderio di «uccidere tre milioni di tossicodipendenti» per «porre termine al problema» nel paese. Al di là delle considerazioni su una leadership ancora tutta da comprendere, dato anche lo straordinario seguito che sembra avere nel suo paese, Duterte pare avere le idee piuttosto chiare in tema di politica estera, rappresentando al momento un elemento imprevedibile nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi