closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il ticchettio proibito del «picchio russo»

Cinema. Cosa c’entra la Duga, l’antenna militare con l’esplosione di Chernobyl? Chad Garcia e Fedor Alexandrovich cercano una risposta in «The Russian Woodpecker» premiato al Biografilm Festival

Era il 26 aprile 1986 quando si consumò la catastrofe di Chernobyl che provocò la contaminazione di una vastissima aerea nell’attuale Ucraina, e l’evacuazione di più di 330.000 persone. Sorte che è toccata anche a Fedor Alexandrovich che all’epoca aveva quattro anni, ed è stato allontanato dalla famiglia per evitare le conseguenze delle radiazioni. Fedor, artista, poeta, pittore e uomo di teatro ucraino, è sopravvissuto ma porta ancora nelle ossa i segni delle radiazioni. La sua teoria sulle cause del disastro è al centro dell’avvincente documentario The Russian Woodpecker di Chad Gracia, premiato al Biografilm Festival che si è appena...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi