closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il ticchettio proibito del «picchio russo»

Cinema. Cosa c’entra la Duga, l’antenna militare con l’esplosione di Chernobyl? Chad Garcia e Fedor Alexandrovich cercano una risposta in «The Russian Woodpecker» premiato al Biografilm Festival

Era il 26 aprile 1986 quando si consumò la catastrofe di Chernobyl che provocò la contaminazione di una vastissima aerea nell’attuale Ucraina, e l’evacuazione di più di 330.000 persone. Sorte che è toccata anche a Fedor Alexandrovich che all’epoca aveva quattro anni, ed è stato allontanato dalla famiglia per evitare le conseguenze delle radiazioni. Fedor, artista, poeta, pittore e uomo di teatro ucraino, è sopravvissuto ma porta ancora nelle ossa i segni delle radiazioni. La sua teoria sulle cause del disastro è al centro dell’avvincente documentario The Russian Woodpecker di Chad Gracia, premiato al Biografilm Festival che si è appena...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.