closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Il testo e nient’altro: Lavagetto al vaglio di logici paradossi

Strategie della lettura. Alla scienza della letteratura, che ha praticato mantenendosi alla larga da ogni forma di scientismo, il critico parmense univa una profonda conoscenza della tradizione musicale

Mario Lavagetto

Mario Lavagetto

«Da dove cominceremo?». È la domanda che Mario Lavagetto, citando il Verne dell’Isola misteriosa, rivolge ai lettori del suo ultimo libro, mentre si appresta a guidarli in quel luogo non meno infido e misterioso che è un grande classico della letteratura, in questo caso il Decameron. Ed è la domanda che si pone chiunque tenti di ricordare questo studioso eterodosso e caparbiamente inattuale – forse a sua volta singulier, come il protagonista di uno dei classici che proprio Lavagetto ci ha restituito in una smagliante traduzione, Il rosso e il nero di Stendhal. Se ci guardiamo intorno oggi, corpi chiusi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi