closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

«Il terrorismo di estrema destra più grave di quello islamico»

Stati uniti. Il rapporto dell'Anti-Defamation League ricostruisce le azioni del terrorismo razzista compiute sul suolo americano nel corso degli ultimi 25 anni: «La retorica di Trump su migranti e musulmani incoraggia i razzisti all’azione

«Una rabbia oscura e costante» (A dark and constant rage). Fin dal titolo il rapporto sulle attività della destra radicale e violenta negli Stati Uniti diffuso dall’Anti-Defamation League non lascia spazio a interpretazioni tranquillizzanti. Infatti, per gli analisti della più antica tra le organizzazioni anti-razziste americane, «il terrorismo di estrema destra rappresenta oggi nel nostro paese una minaccia altrettanto grave, se non ancor più grave di quello di matrice islamica radicale». Una considerazione nettamente in controtendenza rispetto alle parole d’ordine dell’amministrazione Trump, che conclude un autentico catalogo dell’orrore, vale a dire una ricostruzione delle azioni del terrorismo razzista compiute sul suolo americano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.