closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il tempo nuovo dei tumulti

Drammi storici. Pubblicata la piéce teatrale dedicata alla rivolta dei Ciompi «Spogliateci tutti ignudi. I quaranta giorni che sconvolsero Firenze» di Jeremy Lester. Un testo godibile sul passato che proietta la sua attualità sul presente

È giugno a Parigi, corre l’anno 1848. La famiglia Tocqueville è a tavola, in una casa signorile della rive gauche. Tuona il cannone sull’altra riva della Senna, la canaglia operaia sarà infine sconfitta e massacrata. Ma il terrore serpeggia in casa Tocqueville, tanto forte è l’impressione destata dall’insurrezione armata proletaria. A una giovane cameriera, che arriva proprio dal Faubourg Saint-Antoine, uno degli epicentri della rivolta, sfugge un sorriso. Sarà licenziata immediatamente, ma quel sorriso – lo ha ricordato anni fa Toni Negri, discutendo Spettri di Marx di Jacques Derrida – rimane una splendida incarnazione dello spettro del comunismo che avrebbe...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi