closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il tempo moderno è seriale

Scaffale. L’ultima raccolta di saggi firmata dal teorico americano Fredric Jameson, «The Ancients and the Postmoderns. On the Historicity of Forms» (Verso edizioni). Da un'analisi su Mahler a quella sulla tv commerciale e alle nuove forme d'arte

Se ripercorriamo brevemente l’itinerario teorico di Fredric Jameson – uno dei pochi marxisti oggi attivi nel campo della critica della cultura –, è facile constatare la presenza di un disegno sistematico, di un vero e proprio programma filosofico che elegge la transizione dalla modernità ai tempi nostri come oggetto di studio e di interrogazione. Sin dal celebre Postmodernism, or the Cultural Logic of Late Capitalism (1991), l’attenzione di Jameson è rivolta a quell’enorme trasformazione epocale da cui la società dei consumi si impone ed esce fuori trionfale, investendo tutti gli ambiti del sapere e dell’esistenza. Di tale metamorfosi le opere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi