closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
ExtraTerrestre

Il tarassaco: un po’ alimento, un po’ medicina

Se in queste settimane passeggiate tra campi e prati non sarà difficile scorgere uomini e donne chini a raccogliere cespi di tarassaco (Taraxacum officinale). Che cresce tutto l’anno, ma in questa stagione, prima della fioritura, dà il meglio di sé per sapore, consistenza e qualità salutistiche. Le denominazioni tradizionali del tarassaco (pissacàn nell’Italia settentrionale, pissenlit in Francia, pissabed in Inghilterra) ne ricordano evidentemente le proprietà diuretiche. Tuttavia questa pianticella possiede anche altre caratteristiche benefiche sulle quali, tra l’altro, la scienza indaga da quasi un secolo e mezzo (ma indicazioni sulle proprietà salutari del tarassaco si trovano già su testi egizi, greci, arabi e medievali). Nel 1875, in Inghilterra, Rutheford e Chabrol furono tra i primi studiosi che accertarono in modo scientifico l’efficacia del tarassaco nel favorire la produzione della bile, un liquido secreto dal fegato indispensabile per la digestione (specialmente dei grassi) e per eliminare dall’organismo colesterolo, sostanze tossiche e residui cellulari non più utilizzabili. Gli esperimenti condotti tra il 1930 e il 1940 anche presso l’Istituto di Clinica Medica dell’Università di Perugia accertano definitivamente la capacità del tarassaco di agire beneficamente sulla sfera epato-biliare.

Se la raccolta del tarassaco selvatico vi appassiona, approfittate delle prime giornate temperate. Rischiereste altrimenti di dover mangiare delle pianticelle già troppo sviluppate e magari anche fiorite, quando il tarassaco perde alcune sue prelibate caratteristiche organolettiche. Un altro suggerimento: evitate di raccogliere le erbe mangerecce lungo i bordi delle strade, nei giardini pubblici e anche, purtroppo, nei campi coltivati: sono troppe le sostanze nocive, provenienti dalla combustione dei carburanti e dall’uso poco assennato (a esser buoni) della chimica in agricoltura, che inquinano il terreno e le piante. Ovviamente sono ottime le raccolte effettuate in terreni coltivati con tecniche biologiche o biodinamiche oppure in quelle parti di collina ancora selvagge.
Per gustare il tarassaco, la ricetta è semplice: dopo avere lavato con cura le foglie, sbollentatele, scolatele e ripassatele in padella con olio, aglio e una presa di sale. Ottimo e tradizionale accompagnamento per qualche fetta di polenta di mais (giallo o bianco). Se lo desiderate, completate questo piatto delizioso con una spolverata di parmigiano grattugiato.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna