closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il Sultano sfida il mondo: «Fatevi gli affari vostri»

Turchia. 17 giornalisti arrestati sui 21 accusati di far parte della «rete» di Gulen. Erdogan ora punta la sua macchina repressiva contro i kurdi: uccisi 35 esponenti del Pkk. I media governativi: operazione dell’esercito dopo un tentativo di assalto a una base militare

Una donna kurda di fronte a un tank dell'esercito turco nel sud est del paese

Una donna kurda di fronte a un tank dell'esercito turco nel sud est del paese

Secondo fonti militari turche almeno 35 persone appartenenti al Pkk sarebbero state uccise da un raid aereo, dopo un tentativo di attacco ad una base nella provincia sudorientale di Hakkari, al confine con l’Iraq. Poche ore dopo, altri ribelli curdi hanno tentato di assaltare una base militare nella stessa zona. Negli scontri che ne sono conseguiti, sarebbero rimasti feriti almeno 25 soldati. Tornano dunque gli scontri nel Kurdistan dopo gli eventi che hanno portato al tentato golpe e alla risposta da parte di Erdogan. La Turchia, paese Nato, di comune accordo con gli Usa, ha messo da tempo il Pkk...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi