closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il soul cromatico di Mario Biondi

Note sparse. Si intitola «Dare» il nuovo progetto discografico con molti ospiti e un omaggio a Donny Hathaway

Mario Biondi

Mario Biondi

Voce profonda e calda – l’appellativo più comune all’epoca di Handful of Joy, l’album di debutto e contemporanea affermazione nell’ambito del soul jazz con ambizioni da dance floor – era stato quello di Barry White italiano. Mario Biondi non ha mai fatto mistero delle sue passioni rivolte alla black music, e i suoi dischi nel tempo sono serviti come tavolazza su cui apporre diversi colori e sfumature. ANCHE IL NUOVO LAVORO appena pubblicato prova a muoversi su vari territori, ma sempre tenendo presente la matrice black. Già dal titolo, Dare, scelto non a caso per la doppia valenza linguistica: in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi