closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il soul cromatico di Mario Biondi

Note sparse. Si intitola «Dare» il nuovo progetto discografico con molti ospiti e un omaggio a Donny Hathaway

Mario Biondi

Mario Biondi

Voce profonda e calda – l’appellativo più comune all’epoca di Handful of Joy, l’album di debutto e contemporanea affermazione nell’ambito del soul jazz con ambizioni da dance floor – era stato quello di Barry White italiano. Mario Biondi non ha mai fatto mistero delle sue passioni rivolte alla black music, e i suoi dischi nel tempo sono serviti come tavolazza su cui apporre diversi colori e sfumature. ANCHE IL NUOVO LAVORO appena pubblicato prova a muoversi su vari territori, ma sempre tenendo presente la matrice black. Già dal titolo, Dare, scelto non a caso per la doppia valenza linguistica: in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.