closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il socialismo del XXI secolo: dipendenza da materie prime e recessione

Sudamerica. Il fallimento del cosiddetto «socialismo del XXI secolo» più che agli errori dei governi o dei leader più o meno carismatici è derivato dal non aver modificato il modello di sviluppo, a partire dalla dipendenza dell’export di petrolio e delle materie prime agricole

Agli inizi del XXI secolo la gran parte dei governi dell’America Latina imboccava la strada delle riforme sociali e sposava politiche di salvaguardia ambientale, il cosiddetto «ecosviluppo» che metteva al primo posto il rispetto e la cura della Pachamama (Madre Terra nella lingua dei nativi americani). Popoli che avevano vissuto negli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso sotto terribili dittature, che avevano sofferto sulla propria pelle il crollo finanziario ed economico determinato da scellerate politiche neoliberiste (Argentina in primis, ma non solo), volevano voltare pagina. Nacque così quello che venne chiamato « il socialismo del XXI secolo» che per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi