closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Il sindaco di Castel Volturno dopo la rivolta: «Abbandonati nel nostro inferno»

Dimitri Russo (Pd). Negli anni ’70 Castel Volturno era un gioiello turistico. Poi la decadenza: abusivismo, camorra, sfruttamento dei migranti. Due comunità in rivolta e un comune in dissesto economico: «Qui lo Stato non c’è, l’integrazione, senza soldi, è impossile»

La rivolta dei migranti di due giorni fa a Castel Volturno

La rivolta dei migranti di due giorni fa a Castel Volturno

Oggi è a Roma con il sindaco di Mondragone, Giovanni Schiappa, per incontrare il ministro dell’Interno Angelino Alfano. Dimitri Russo è diventato primo cittadino di Castel Volturno a metà giugno, fa parte delle nuovissime leve del Pd e la sua maggioranza tiene dentro anche Sel e due liste civiche. Ha ereditato un’amministrazione a pezzi, dopo due anni di commissariamento, e due comunità in rivolta: quella degli italiani e quella dei migranti. Lunedì si sono fronteggiate dalle opposte barricate dopo l’ennesimo atto di violenza contro due ragazzi ivoriani, gambizzati da Pasquale e Cesare Cipriani per un banale litigio. Ieri uno dei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.