closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il Silfio contro l’impotenza

Erbario. L'ultima puntata è dedicata a una pianta considerata una potentissima panacea nell'antichità, oggi però estinta

Il silfio che si trovava nella zona di Cirene, in Libia

Il silfio che si trovava nella zona di Cirene, in Libia

Fra tutte le piante della farmacopea antica, il silfio, detto anche opos kyrenaikos, occupava un ruolo di assoluto rilievo. Come ci riferisce Teofrasto, il suo succo resinoso, assai costoso e pregiato, era prescritto per la cura di un’innumerevole quantità di affezioni, dalla gotta, ai dolori articolari, alla sciatica, all’angina, all’epilessia, al tetano, fino all’impotenza maschile. Era considerato anche un antidoto ai veleni di numerosi animali, una terapia contro le verruche e per la cataratta; di esso si apprezzava il suo potere di favorire la sudorazione, gli si attribuivano proprietà come regolatore del flusso mestruale e, associato all’apopanax, come contraccettivo. Non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi