closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Il Sigfrido del tesoro trasformato in principe cortese

Medioevo germanico. Il Nibelungenlied (1200 circa) traspose una fosca saga eroica (i Burgundi sterminati dagli Unni) in un contesto feudale-cavalleresco: lo rivisita Davide Bertagnolli in I nibelunghi per Meltemi

Paul Richter nel film muto di Fritz Lang  Die Nibelungen: Siegfried, 1924

Paul Richter nel film muto di Fritz Lang Die Nibelungen: Siegfried, 1924

Il Nibelungenlied? «I Burgundi, la vendetta di Crimilde, le gesta di Sigfrido, tutta la condizione di vita, il destino di un’intera stirpe al tramonto, l’essenza nordica, il re Attila ecc., tutto ciò non ha più alcuna viva connessione con la nostra vita domestica, civile, giuridica, con le nostre istituzioni e i nostri ordinamenti». Questo polemico distanziarsi di Hegel da uno dei grandi testi dell’epica medievale, che oggi può stupirci, diventa più comprensibile se collocato nel suo tempo, all’inizio dell’Ottocento, quando le correnti più reazionarie ne fanno un libro di culto, lo celebrano come il mito di fondazione della nazione tedesca....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi