closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Il seme eretico dell’inquietudine

#ilmanifesto50. L’impegno comune su 5 parole: ingiustizia, ecologia integrale, rigenerazione, diritti

don Luigi Ciotti

don Luigi Ciotti

Cinquant’anni di pensieri critici e voci non allineate, cinquant’anni di «eresia». Nel vero senso, però, di questa parola non sempre compresa. Eresia deriva infatti dal greco airesis, che significa scelta. In origine eretico è colui che sceglie, sceglie perché ama la propria libertà al punto da pagare prezzi altissimi per difenderla: dall’esclusione all’esilio, dalla prigione al martirio. Eretico è colui che, più della verità, ama la ricerca della verità. Per l’eretico ricerca e verità, libertà e responsabilità sono inseparabili. Questa, secondo me, è stata la preziosa funzione del manifesto in questi cinquant’anni: informare ma, al tempo stesso, far riflettere, mostrando...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi