closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il self service delle idee

Imperi digitali. Amazon, il colosso di Bezos ha una banca dati dei suoi utenti portentosa: E' questo il suo vero tesoro e non c'è lotta degli editori come Hachette, o degli scrittori, che tenga

Foto Reuters

Foto Reuters

Amazon ha vent’anni e io sono un suo cliente. Non ricordo quale e quando sia stato il mio primo acquisto online dal colosso di Seattle ma sicuramente è avvenuto diversi anni fa e quasi certamente si è trattato di un libro che, dopotutto, è il core business dell’azienda. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti e anche nel letto del più grande fiume del mondo: Jeff Bezos battezzò la sua impresa nel lontano 1994, con l’auspicio che - come il fiume amazzonico - il suo piccolo servizio di vendite via internet potesse un giorno diventare la più grande...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.