closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Il segreto di una famiglia» nel passato della dittatura argentina

Cinema. In sala il nuovo film di Pablo Trapero, ambientato nella ricca borghesia del paese sudamericano che ispira al regista un melodramma incestuoso

Il segreto di una famiglia di Pablo Trapero, presentato fuori concorso alla Mostra di Venezia 2018, dal titolo originale La Quietud a quello italiano perde un po’ della pacata serenità che non lascia indovinare il feroce il ribaltamento del racconto. «La quiete», nome adatto alla residenza di campagna della famiglia alto borghese di Buenos Aires con i suoi misteri. Trapero chiude una fase della memoria come chiude per sempre i cancelli della magione. La classe alta ispira al regista un melodramma incestuoso dove tutto avviene all’interno di una famiglia, tra sorelle, tra figlia e padre, tra cognati, tra madre e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.