closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il segreto delle lingue e la loro mescolanza

ITINERARI CRITICI. «Europa romanza», un libro di Lorenzo Tomasin edito da Einaudi. Il volume si dipana tra storie plurali di donne e uomini offrendo una via inconsueta alla filologia. Restituiti dal silenzio di archivi legali e mercantili, ci sono abitanti di paesaggi tenuti insieme dalla radice romana delle loro lingue: la Romània, al crepuscolo del Medioevo e appena oltre. Dai documenti di commercio a quelli della vita quotidiana, passando per la regina Elisabetta I, l’ultimo imperatore latino di Costantinopoli e addirittura Mozart

Rembrandt, «De Nachtwacht» (1642), ora al Rijksmuseum di Amsterdam

Rembrandt, «De Nachtwacht» (1642), ora al Rijksmuseum di Amsterdam

La filologia è un’arte strana, difficile da spiegare. Un po’ aliena, addirittura. Filo-logia. Già il termine sembra combinare le metà spaiate di altre devozioni e discipline, dai nomi più chiari. Tutti sanno che la filo-sofia si fa amando il sapere e che la bio-logia dice della vita; che il fil-antropo ama il prossimo suo mentre l’antropo-logo ne dice; e via dicendo (e amando) in greco. Ma cosa fa il filo-logo? Ama il logos, il linguaggio, quel che si dice? O dice d’amore, per citar male un poemetto medievale che i filologi stessi annoverano tra le opere di Dante pur avendo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.