closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il sacrificio di Else

A teatro. Si congeda il Cantiere di Montepulciano con la ripresa del monologo interiore di Schnitzler

Si congeda il Cantiere di Montepulciano numero 46. L’ultimo tassello del mosaico messo a punto dal direttore Mauro Montalbetti, andato in scena al teatro Poliziano, mette a nudo, non solo in senso figurato, la sotterranea, quindi la più ambigua e strisciante, violenza psicologica cui la donna è soggetta nella società contemporanea. Prototipo letterario, costruito secondo la tecnica del monologo interiore è lo Schnitzler della Signorina Else (1924). Dove, in sintesi spietata (l’azione è fulminea: dal pomeriggio alla sera) si consuma il dramma di Else, obbligata a sacrificarsi, «vendendo» il suo corpo per salvare l’onore della famiglia: come cinicamente le consiglia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.