closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il sacrificio del calciatore

Archivio . Dal manifesto del 5/7/1994

Un predicatore molto sui generis diceva che della vergine Maria, come dei maiali, non si butta via niente. Anche di Maradona si è usato tutto, assolutamente tutto: il genio, la gloria, la caduta, la resurrezione, la ricaduta... È perfino possibile che adesso si ricordi il filocastrismo del calciatore, indispettito con Menem perché lo aveva lasciato con la pizza e la droga in bocca davanti alle telecamere del sistema corrotto, avendo bisogno lo Scugnizzo della figura del potere propizio, del padre di tutte le rivoluzioni rinviate è corso a nascondere la testolina nella barba di Fidel. Ho paura sia finito come...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi