closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il ritmo di un diario ininterrotto

Philippe Jaccottet. La scomparsa, a 95 anni, del poeta, scrittore e critico letterario di origini svizzere, raro caso fra i viventi ad essere incluso con le «Oevres» nella collana della Pléiade

Philippe Jaccottet

Philippe Jaccottet

Con la stessa discrezione con cui è sempre vissuto, mercoledì scorso a Grignan, un villaggio nel sud della Francia, è scomparso uno dei grandi poeti del nostro tempo, Philippe Jaccottet. Tra le stelle fisse del tardo Novecento francese, se René Char testimonia lo slancio della verticale lirica, se Edmond Jabès mantiene per sé stesso il riserbo sapienziale e se infine Yves Bonnefoy si misura con una materia di consistenza siderale, per parte sua Jaccottet si affida a un verso che resti alla portata del lettore, nel senso che venga scandito al ritmo della sua fisica percezione mentre quelli che nella...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi