closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Il rischio pensato e l’azzardo calcolato

Verità nascoste. La rubrica settimanale a cura di Sarantis Thanopulos

Nella gestione dalla pandemia il «rischio pensato» ha faticato molto sia nell’impostazione del lockdown sia delle riaperture. Forti sono le pressioni, che attraversano il pianeta, verso il «rischio zero» o verso l’azzardo. Queste prospettive estreme si sovrappongono, non sono opposte. Per comprenderlo è sufficiente riflettere su una evidente contraddizione: gli Stati democratici hanno imposto il lockdown, ma non la vaccinazione. Perfino gli operatori sanitari anti-vax sono stati, di fatto, tollerati. Questo atteggiamento, apparentemente schizoide, ha una sua intima coerente motivazione: l’inchinarsi, in entrambi i casi, alla domanda di eliminazione assoluta del rischio. Non è il prodotto di decisioni realmente politiche,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi