closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Il Rif chiede riforme, vogliamo vivere qui senza il bisogno di emigrare»

Marocco. Intervista a un attivista politico della regione marocchina, in piazza da due anni: «Il governo promuove un’immagine falsata della realtà. Parla di democrazia e diritti umani, ma noi sappiamo che è pura astrazione»

Manifestazione di protesta nel Rif marocchino

Manifestazione di protesta nel Rif marocchino

Pene altissime, tra i 15 e i 20 anni di prigione, per aver manifestato pacificamente contro la situazione di oppressione socio-economica che interessa il Rif, regione al nord-est del Marocco, che per motivi legati anche al passato coloniale è sempre rimasta esclusa dalle politiche di sviluppo del governo centrale. È del 26 giugno la sentenza contro i leader di Hirak al-Shaabi (Movimento Popolare), nato a fine 2016; pochi giorni fa si sono rifiutati di chiedere l’amnistia al re preferendo presentare appello. Due settimane prima in migliaia erano scesi in piazza per chiederne la liberazione. «La situazione è molto triste e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi