closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Il ricordo dell’invasione di Praga: «Eravamo ragazzini inconsapevoli, vivemmo due mesi chiusi nei tank»

La testimonianza. Kazimierz Kubica, polacco, oggi settantenne, uno dei soldati mandati ad invadere la Cecoslovacchia, ricorda il dramma di quelle settimane

«Ci dissero che sarebbe stata solo un’esercitazione. Da una caserma della Polonia meridionale partimmo di notte. Eravamo in quattro nel nostro carrarmato. Il viaggio fu breve, durò tre ore. Quando arrivammo al confine, dalla radio il comando ci ordinò di schiacciare la sbarra in ferro. I militari cechi fuggirono impauriti. Soltanto allora capimmo che stavamo invadendo la Cecoslovacchia». Kazimierz Kubica, polacco, oggi settantenne, è figlio di Maria e Lucjan, due giovani che durante l’occupazione nazista della Polonia si conobbero in una fabbrica d’armi: «Mia madre fu impiegata con la forza. Aveva mani molto piccole che le permettevano di lavorare alla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.