closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il respiro breve di un pamphlet

Intervento. I limiti di un saggio «Guerra alla democrazia» firmato da Pierre Dardot e Christian Laval per DeriveApprodi

Mona Hatoum, «Conversation Piece», 2011

Mona Hatoum, «Conversation Piece», 2011

«La vittoria del fascismo», scrivono Pierre Dardot e Christian Laval nelle prime pagine del loro Guerra alla democrazia. L’offensiva dell’oligarchia neoliberista (DeriveApprodi, trad. di Ilaria Bussoni, pp. 142, 15 euro), «è una possibilità con cui dobbiamo fare i conti. E nessuno potrà dire ‘noi non sapevamo’». È un’affermazione che condivido, pur non avendo qui lo spazio per qualificarla e precisarla, come sarebbe necessario. Dà in ogni caso il senso dell’urgenza politica che pervade il testo dei due autori francesi. A differenza dei ponderosi volumi da loro scritti negli ultimi anni – La nuova ragione del mondo. Critica della razionalità neoliberista...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi