closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il referendum del presidente «a vita» spacca il Burundi

Burundi. Nkurunziza punta a restare fino al 2024. Già decine di arresti e morte sospette

Pierre Nkurunziza

Pierre Nkurunziza

La storia del Burundi sembra essere già stata scritta una volta e ciclicamente si ripete. Tensioni e sospetti si rincorrono lungo gli anni e «se non sei con noi, sei contro di noi». IN QUESTA CONDIZIONE un singolo evento può fare da detonatore: è stato così (e nell’immediato futuro potrebbe essere) il controverso referendum sulla Costituzione fortemente voluto dal presidente in carica a scatenare una nuova ondata di violenze. Ai burundesi viene chiesto di votare sì o no a una proposta di proroga del mandato presidenziale da cinque anni a sette, il che consentirebbe al presidente Pierre Nkurunziza, di governare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi