closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Il «reddito di cittadinanza» è una «politica attiva del lavoro»

Cambiamenti e conferme. Dalle parole pronunciate nelle ultime 48 ore dal presidente del Consiglio Conte alle Camere emerge un primo profilo del nuovo sistema di "workfare" che assomiglia al modello inglese dello "Universal credit". Una "riforma" da considerare nel piano programmatico del governo pentaleghista: spostamento della ricchezza verso ricchi e benestanti, messa al lavoro dei poveri, precari e disoccupati. Si chiama "populismo", si legge "neoliberismo"

Quella del governo pentaleghista è una «politica attiva del lavoro» ispirata al modello inglese dello «universal credit» che accorpa sei ammortizzatori sociali, così come il «reddito» all’italiana dovrebbe accorpare, tra gli altri, i sussidi Naspi, Asdi, oltre che il reddito di inclusione sociale («ReI») creato dai governi Renzi-Gentiloni (Pd). Si sta delineando un sistema di «workfare», come tanti ne esistono ormai in tutta Europa, e non solo, che mira alla formazione, al reinserimento e alla riqualificazione di precari e disoccupati tramite un sistema premio-punitivo centrato sul modello pubblico dei centri per l’impiego (ci vorranno due anni, dicono, e 2,1 miliardi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.