closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il Recovery Plan armato del governo Draghi: fondi UE all’industria militare

Decisione che RIPD ritiene inaccettabile: non solo contraddice le finalità del Piano europeo per la ripresa, ma accantonando le proposte delle organizzazioni della società civile (e del mondo del lavoro) considera il settore militare, già ampiamente finanziato, come fattore di ripresa per il Paese. Sorpresa nell’uovo di Pasqua: una parte dei fondi del Recovery Plan verrebbe destinata per rinnovare la capacità e i sistemi d‘arma a disposizione dello strumento militare. Un tentativo di greenwashing, di lavaggio verde, dell’industria delle armi che la Rete Italiana Pace e Disarmo stigmatizza e rigetta. Ad aprire a questa possibilità è stato il Parlamento, a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi