closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

«Il Recovery di Conte? Poco chiaro e con errori»

Audizioni al Senato. Bankitalia e Upb: le stime sul Pil sono esagerate. La Corte dei conti: troppe spese

Il presidente del consiglio dimissionario Giuseppe Conte

Il presidente del consiglio dimissionario Giuseppe Conte

Il recovery plan del governo Conte due non va bene. Firmato: Bankitalia, Corte dei Conti e Ufficio parlamentare di bilancio (Upb). Nelle audizioni alla commissione Bilancio del senato i giudizi sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) approvato dal governo dimissionario sono tutt’altro che lusinghieri. Secondo l’Upb a fine piano - 2026 - l’aumento del pil sarebbe di 2,5 punti, mezzo punto in meno di quanto previsto dal ministro Gualteri. Bankitalia indica invece una crescita di 2 punti al 2024. Nell’insieme, le risorse complessive dedicate alle missioni del Pnrr - calcola l'Upb - ammontano a 311,9 miliardi; 87 dei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.