closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Il razzismo cinico delle élite politiche in Francia

Il Ku Klux Klan è sbarcato nella Patria dei diritti dell’Uomo. Non indossa i cappucci neri classici, né dà la caccia al «negro», ma pratica ugualmente il linciaggio del nemico ontologico. Che in tal caso è lo Zingaro, idealtipo dell’Altro cui imputare le ragioni della propria condizione, rabbia, frustrazione. O da sfruttare come capro espiatorio in favore di una politica sempre più indegna di questo nome, cui null’altro resta ormai, per occultare la propria inadeguatezza, che liberare la parola razzista e titillare le pulsioni malsane della plebe. Ciò che è accaduto pochi giorni fa a Pierrefitte-sur-Seine, cittadina non lontana da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi