closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il razzismo a bassa intensità

La china razzista e criminale. Dallo «squadrone della morte» di Parma ai bangladeshi picchiati dopo Dacca, la xenofobia cresce

Di Emmanuel, il trentaseienne nigeriano ridotto in fin di vita da un italiano a Fermo, sappiamo che era arrivato in Sicilia a bordo di un barcone con la compagna Chimiary, costretta ad abortire per le botte subite in Libia. Fuggiva dai fondamentalisti islamici di Boko Haram ed è stato ammazzato da un bullo di casa nostra. Pochi mesi fa aveva contratto un matrimonio da «irregolare», officiato da un don Vinicio Albanesi in vena di disobbedienza civile, ora è in coma irreversibile a causa delle sprangate ricevute per aver tentato di difendere sua moglie dall’aggressione di un pasdaran di casa nostra,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.